Parafarmacie: segnalazione certificata di avvio dell'attività
( I titolari degli esercizi commerciali di cui all'articolo 4, comma 1, lettere d), e) e f) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, in possesso dei requisiti di seguito indicati che intendono effettuare la vendita al pubblico dei farmaci da banco o di automedicazione di cui all'articolo 9-bis del decreto legge 18 settembre 2001 n. 347, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 novembre 2001, n. 405 e di tutti i farmaci o prodotti non soggetti a prescrizione medica, devono presentare apposita comunicazione al Ministero della Salute, all'A.I.F.A., alla Regione Lazio, al Comune in cui ha sede la struttura commerciale e all'azienda USL competente territorialmente. urn:nir:regione.lazio;giunta.regionale:deliberazione:2006-12-18;864 )

Iter

L'Azienda USL competente territorialmente verifica la sussistenza dei requisiti entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di inizio attività (Deliberazione della Giunta regionale 18/12/2006, n. 864).

Durata massima del procedimento amministrativo
60 giorni
Procura
L'istanza può essere presentata da un procuratore, che deve sottoscrivere la Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà resa dal procuratore.
Moduli da compilare e documenti da allegare
Parafarmacia - SCIA per nuova apertura
Autocertificazione del possesso dei requisiti morali
Dichiarazione requisiti oggettivi
Dichiarazione requisiti strutturali e impiantistici
Planimetria dei locali destinati ad attività produttive
Modulistica ASL per attività non alimentari - allegato sanitario
Ultimo aggiornamento: 20/12/2020 21:32.21